top of page

La connessione emotiva è importante

Migliaia di libri vengono scritti ogni anno cercando di renderci genitori migliori. Siamo inondati di consigli di esperti e lo facciamo perché abbiamo paura di sbagliare. Dovremmo farlo e non dovremmo farlo. Questo esperto dice questo ma quello non è d'accordo. Questo è un bene per i bambini, ma è un male. Giudizio dopo giudizio. È travolgente e confuso. Di chi dovremmo fidarci? Come dovremmo genitore?



Tornare alle origini ci aiuterà a ritrovare una prospettiva. La parte più importante della genitorialità è creare un legame emotivo sicuro tra noi ei nostri figli. Questo è tutto.

Potrebbe sembrare troppo semplicistico e sì, gli esperti potrebbero sostenere che c'è molto di più, ma abbiamo finito con l'eccessiva complicanza di ciò che è, in sostanza, molto semplice: l'amore.


Per creare un legame sicuro, i nostri figli devono sapere che ci teniamo veramente e profondamente a loro. Hanno bisogno di sapere che sono amati oltre misura per quello che sono. Devono sapere che possono fidarsi di noi e che li amiamo. Hanno bisogno di sapere che qualunque cosa accada noi siamo la loro fonte di conforto e pace. I nostri figli devono sapere che sono importanti per noi. Senza ombra di dubbio.

Ciò che alimenta il modo in cui siamo genitori

La maggior parte di noi non è consapevole del fatto che il luogo da cui siamo genitori determina il modo in cui siamo genitori. Potremmo attribuire erroneamente i nostri mutevoli stili genitoriali ai nostri umori o ai comportamenti dei nostri figli, ma ciò che realmente alimenta il modo in cui siamo genitori è sempre l'amore o la paura.

Quello che notiamo è come si sente essere genitori da un luogo di amore in confronto a essere genitori da un luogo di paura. Entrambi questi stati sorgono da noi stessi.

Se sono genitore di un luogo di paura, potrei preoccuparmi che i miei figli mi mettano in imbarazzo, che non progredisca bene a scuola, che non si comporti esattamente come mi aspetto che si comportino, che non mi piaccia o mi ami, che non soddisfi le mie aspettative o quelle della mia famiglia, in disaccordo con me, e così via.


Provenendo da un luogo di paura, vedo i miei figli come inferiori, inadeguati o troppo giovani per rispettarli a pieno titolo. Vedo il mio ruolo di genitore nel trasformarli in brave persone, perché presumo che non lo siano già.


Se sono genitore da un luogo di amore, accetto i miei figli così come sono. Li vedo come gli esseri umani meravigliosi, giovani, perfettamente in crescita che sono. Non paragono il loro sviluppo naturale e lo uso come misura del loro valore. Sono in soggezione per le nostre somiglianze e differenze e li aiuto a trovare la loro strada nel mondo.

Provenendo da un luogo di amore, vedo i miei figli come esseri umani a pieno titolo, non come un'estensione di me o come una mia proprietà. Ho il privilegio di poter guardare altri esseri umani crescere e fare tesoro del tempo che abbiamo insieme.

Provenendo da un luogo di amore, faccio del mio meglio per riflettere il valore innato dei miei figli in modo che crescano amando se stessi e gli altri. So che sono interi, completi e non mancano. Tutto è pronto per svilupparsi e crescere al proprio ritmo naturale. Guido, supporto e amo. Non c'è bisogno che io interferisca e controlli perché so che i miei figli sono esseri umani intrinsecamente buoni.

“O siamo genitori di un luogo dell'amore o di un luogo di paura. Il risultato corrisponderà alla fonte del nostro punto di partenza ". Marlena Tillhon

I 3 pilastri della connessione emotiva

Creare una connessione sicura con un altro essere umano può sembrare molto più complicato di quanto non sia in realtà, ma è qualcosa che sappiamo come fare dal giorno in cui siamo nati. Può sembrare che diventi più difficile man mano che cresciamo, ma è principalmente perché abbiamo imparato a vivere e ad amare da un luogo di paura.

Quando torniamo alle origini e smettiamo di complicare troppo, ci rendiamo conto che amare e connettersi con gli altri è molto più facile di quanto ricordiamo. Ci sono solo tre componenti per la connessione emotiva. Queste tre componenti sono chiamate sintonizzazione, reattività e coinvolgimento.


Quando siamo in uno stato mentale amorevole e pacifico, ci sintonizziamo, rispondiamo e ci impegniamo in modo naturale e senza sforzo.

Sintonizzazione emotiva

Quando ci avviciniamo ai nostri figli da uno stato mentale amorevole, siamo naturalmente disponibili per la connessione emotiva, il che significa che siamo in sintonia con loro.

Ciò significa che possiamo facilmente indovinare cosa sta succedendo per loro. Sappiamo quando stanno lottando e siamo bravi a indovinare di cosa hanno bisogno.

Se lo facciamo bene, i nostri figli sono rapidamente soddisfatti e continuano a svolgere i loro affari. Tuttavia, se siamo mal sintonizzati o troppo occupati per sintonizzarci, i sentimenti continueranno a crescere e potrebbero portare a un'escalation sotto forma di capricci.

Ovviamente, non abbiamo il controllo dei sentimenti dei nostri figli e spesso si esprimeranno in modi che ci sembrano irrazionali. Tuttavia, ci sembrano irrazionali solo dal nostro punto di vista e non dal loro.

I sentimenti dei nostri figli sono validi e non sono qualcosa da deridere o vergognare. Sì, potrebbero non avere senso per noi con il nostro cervello sviluppato. Ma hanno perfettamente senso dal loro punto di vista. Questo è tutto ciò che dobbiamo considerare per rispondere in modo compassionevole.

Reattività emotiva

Una volta che abbiamo una buona comprensione di ciò che sta accadendo ai nostri figli, rispondiamo rapidamente, in modo appropriato e amorevole.

Convalidiamo la loro esperienza in modo che imparino a fidarsi di se stessi. Siamo lì con loro in modo che vedano che la loro espressione emotiva non è nulla di vergognoso o qualcosa per cui saranno abbandonati. Mostriamo loro che i sentimenti non sono problemi e che non sono qualcosa da temere.

Questa è la nostra opportunità per modellare modi sicuri di funzionamento e relazione che i nostri figli interiorizzeranno. Il modo in cui risponderemo a loro ora sarà il modo in cui risponderanno a se stessi più avanti nella vita. E quindi dobbiamo rispondere con pazienza, onestà, comprensione, tolleranza, limiti, compassione e amore.

Coinvolgimento emotivo

Coinvolgere i nostri figli significa partecipare attivamente alla loro esperienza. Non siamo spaventati o irritati dai sentimenti dei nostri figli. Ci impegniamo attivamente con loro a seconda di ciò che richiedono da noi in quel momento mentre stanno sperimentando qualunque cosa stiano vivendo.

Potrebbero aver bisogno di rassicurazione, contatto fisico o conversazione. Potrebbero aver bisogno di sfogarsi, avere un po 'di spazio o avere dei confini.


La sintonizzazione è molto importante qui perché vogliamo interagire con nostro figlio in base a ciò che sta succedendo per lui. Non vogliamo ignorare il loro stato d'animo o la fase di sviluppo e impegnarci dal nostro quadro di riferimento.

È possibile essere sintonizzati, ma per evitare di impegnarsi allontanandosi, ad esempio. Ciò che questo comunica a un bambino è una mancanza di cure e il bambino lo farà significare qualcosa su di lui e sul suo valore. Evitare il coinvolgimento è solitamente alimentato dalla paura e un segno per noi di guardarci dentro.

Connessione emotiva nella vita quotidiana

Connetterci emotivamente con i nostri figli non è un compito enorme per cui dobbiamo prepararci e allenarci. È un'opportunità che ci viene data centinaia di volte al giorno.

Sono i piccoli momenti che contano di più. Il risveglio, il mettersi le scarpe, le cadute, il disegno, lo scherzo, la discussione, l'andare a letto. Ciò che richiede è la presenza. La nostra presenza. Prestare attenzione ai nostri figli nel momento presente è ciò che è necessario per sintonizzarsi con calma, rispondere con amore, impegnarsi consapevolmente.

Quando mia figlia dice che non vuole andare a scuola, posso prendere il mio tempo per esplorare e capire cosa sta succedendo per lei. So cosa vuol dire dover fare qualcosa che non voglio fare e quindi posso relazionarmi. Relazionarsi da quel luogo normalizza e convalida l'esperienza di mio figlio. Posso quindi rispondere con una conversazione o un abbraccio comprensivo e impegnarmi in quel modo.

Quando mio figlio è arrabbiato e non vuole che lo aiuti, posso sintonizzarmi con lui che ha bisogno di spazio e rispondere ma facendogli sapere che sono qui per lui quando è pronto. Gli faccio sapere che sono felice di dargli spazio per sentire i suoi sentimenti. Non ho bisogno di sbagliarlo per essere arrabbiato con me, perché non mi sento minacciato dai suoi sentimenti. Possiamo quindi impegnarci in una conversazione, un'attività divertente, la risoluzione reciproca di problemi o l'impostazione dei confini, se necessario. In ogni caso, non devo far vergognare la sua rabbia. Tuttavia, potrei dover affrontare il suo comportamento se è inappropriato o dannoso.

Tutto questo può essere fatto da un luogo d'amore. I problemi pratici vengono affrontati al meglio con uno stato d'animo calmo in modo che trovare soluzioni diventi una joint venture e un'ulteriore fonte per rafforzare il nostro legame.

Il genitore umano

Ciò di cui il genitore umano ha bisogno più di ogni altra cosa è la comprensione e la compassione.

Compassione. Compassione. Compassione.

Non siamo nati con un manuale di istruzioni per la vita. Ci sono molte cose che semplicemente non sappiamo. Impariamo crescendo e questo non si ferma mai. Non è un segno di inadeguatezza o debolezza, ma piuttosto di evoluzione.

Non vergogniamo i nostri figli per essere giovani o per non sapere come mangiare, gattonare, camminare, parlare, contare e così via. Sappiamo che si svilupperanno man mano che crescono. Non li sbagliamo perché non lo sappiamo ancora.


Inoltre non li vergogniamo ora che possono nutrirsi, camminare e parlare per non aver potuto farlo quando erano bambini. Quindi dobbiamo smetterla di farlo a noi stessi. Non sappiamo cosa non sappiamo e non ci vergogniamo di non sapere cosa non sapevamo o non avremmo potuto sapere in quel momento.

Tuttavia, una volta che lo sappiamo, possiamo cambiare la nostra esperienza cambiando ciò che facciamo. Quindi, una volta che sappiamo come creare una relazione più amorevole con i nostri figli, possiamo farlo.

È nel migliore interesse di tutti voler continuare a imparare e crescere insieme. Ciò include i modi in cui ci relazioniamo gli uni agli altri. Perché dopo tutto, l'amore che nutriamo per i nostri figli significherà sempre più di ogni altra cosa. Non è solo il dono più grande della vita, ma dell'intero universo.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Emozioni

bottom of page